Eventi / 0 Comments / 1494 View

Il “touch” spopola anche nel ballo: così è esplosa la kizomba

Gen 29 / 2018 12:00AM

David Pacavira, “il Fonts” della Kizomba, rivela a Nikysalsablog il segreto del successo di questo ballo popolare angolano. Abbiamo incontrato il rappresentante del movimento Kizomba Romana durante il Florence Kizomba Meeting tenutosi lo scorso fine settimana nell’hotel Delta Florence di Calenzano.
Cosa ha fatto amare così tanto questo ballo a noi europei considerando che in pochi anni da essere marginale è diventato un ballo principe?
Il segreto? Il contatto fisico, il bisogno di stringere relazioni sociali. L’abbattere la barriera fisica: il contatto immediato petto a petto sembra essere proprio quello a far impazzire tutti”
Che differenza c’è tra Kizomba e Semba?

Il Semba è il padre della Kizomba. Inoltre il Semba è un vero e proprio genere musicale. Quando si parla di Semba si sta parlando già di musica e di ballo. La Kizomba è l’evoluzione del Semba. E ti dirò di più: Kizomba è fusion, visto che non esiste la Kizomba tradizionale. E’ un ballo giovane che nasce alla fine degli anni 70, ed è ricchissimo di influenze di vari popoli”.
In che senso?

Non dimentichiamoci che quando balli Kizomba, stai ballando per forza un po’ di Semba. Radice da cui arriva la Tarraxina, l’Afrohouse, il Koduro e tutti i balli dalla radice africana. Ogni festival è un’occasione per conoscere l’Africa Black. La Kizomba oggi è un contenitore che mette insieme tutti quelli stili che stanno imperversando in Africa.”

Più fusion di così…

Iscriviti alla newsletter per restare aggiornati sugli eventi più importanti!